Elevata sicurezza strutturale Elevata sicurezza strutturale

Elevata sicurezza strutturale

Si intendono come solai le strutture bidimensionali piane caricate ortogonalmente al proprio piano. Si suddividono in: solai di interpiano e solai di copertura con la funzione di chiusura dell'edificio.

Il solaio deve essere in grado di ripartire gli sforzi, trasmettendo lo stato tensionale alle strutture verticali che lo sorreggono. Deve essere in grado di sopportare sollecitazioni normali al piano, sollecitazioni flessionali e di taglio.

La tecnica di realizzare solai è nata con l'esigenza di avere abitazioni su più livelli o abitazioni il cui piano di calpestio fosse più in alto del terreno. Il modo più antico, ed anche il più semplice, per realizzare solai è con orditura lignea. La naturale evoluzione dell'antico solaio in legno è il Soleco, a sezione mista legno-cls, adatto sia per nuove costruzioni in c.a., che per restaurare e risanare vecchi edifici in muratura, in cui si preveda il ripristino di solai di interpiano o di copertura. La soletta di calcestruzzo, adeguatamente armata e connessa, consente di ottenere un cospicuo aumento di resistenza e rigidezza, permettendo sezioni decisamente più modeste alle travi lignee dei nuovi solai. L'interposizione dei connettori speciali Soleco tra la soletta e le travi in lamellare, è necessaria per consentire ai due materiali di collaborare tra loro. Il risultato è una struttura solidale dove, per effetto dei carichi verticali, il calcestruzzo risulterà prevalentemente compresso ed il legno prevalentemente teso. La struttura mista legno-cls risulterà migliore rispetto alla struttura di solo legno in quanto più rigida e resistente, e ne risulterà migliorato anche il comportamento dinamico. La soletta di calcestruzzo rappresenta un ottimo accorgimento tecnico negli edifici di muratura in zona sismica, in quanto consente di collegare fra di loro i muri portanti realizzando un piano rigido in grado di meglio ripartire le azioni sismiche orizzontali.